RIPARTIRE CON UN FOGLIO BIANCO

Dieci anni fa non avrei mai pensato che fare il genitore fosse così difficile. Ed a pensarci bene sono solo all’inizio di una lunga strada di cui non si vede la fine e caratterizzata da un sacco di curve cieche, di quelle che non sai se prenderle in pieno e se chiudono tutto di un botto. Ed allora si rimane sempre in dubbio, con un filo di gas.

ERRORI

Una cosa che mi piacerebbe è ripartire con un foglio bianco. Non per cancellare il passato e nemmeno per cambiare tutto, ma semplicemente per ripartire da zero, io e la mia famiglia così come è. In questi anni ne ho fatti di errori, e molti diranno che gli errori servono per crescere. Però questi errori lasciano anche cicatrici. Un pò come le vecchie fratture, quando cambia il tempo si fanno sentire anche a distanza di tempo. Al mio amore, a 2010, a 2013 ed a 2016 vorrei dire:

Vorrei poterti dare quello che mi manca

Vorrei poterti dire quello che non so

Vorrei che questa pagina tornasse bianca

Per scriverci

Ti amo punto

Ho preso in prestito queste parole di Jovanotti, perchè me le sento addosso.

UN CAPITOLO NUOVO

Ha riassunto nelle prime due frasi quelle che vorrei ogni giorno fare con la mia famiglia. Far tornare la pagina bianca per iniziare un capitolo nuovo. Ho sempre avuto difficoltà a terminare un capitolo. E’ sempre stato chiuso da altri o da regole prefissate o semplicemente dagli eventi. Se ci penso bene solo una volta ho chiuso un capitolo personalmente ed è stato con lo sport. Me lo ricordo ancora oggi, il giorno che ho abbandonato l’agonismo. Ho pianto. E forse è stata una delle poche volte che ho pianto da ragazzino. Ho pianto perchè avevo deluso mio papà. Questo è quello che pensavo e penso ancora oggi. Forse non l’ho deluso, ma quello che conta è quello che si pensa e che si sente. Lui ci teneva tanto ed io ho mollato. Non era quello che volevo ed ho deciso di terminare. Punto.

PAGINA BIANCA

Pagina bianca. Direi che è ora di chiudere il capitolo “Le cose che tutti si aspettano da me” ed iniziare il capitolo “Lorenzo”.

Lorenzo

Con il blog papainascolto.it, voglio far sentire meno soli, genitori come me, che hanno un sacco di domande e nessuna risposta, che vogliono far tutto giusto ed invece sbagliano, che stanno scoprendo quanto i nostri figli hanno da insegnarci.

2 Risposte

  1. Pensa che invece io mi metterei a piangere adesso pensando di aver chiuso con l’agonismo. Una scelta dettata dall’impulsività che mi è costata cara, perché lo sport, l’agonismo è quanto di più nel sangue sento, insieme all’essere mamma…come vedi scelgo attività molto redditizie :DD
    Comunque a parte questo vorrei dirti che se dovessi ripartire con un foglio bianco rifaresti comunque degli errori, magari peggiori. Non si può evitare di sbagliare. Invece ripartire e vivere per sé, non per quello che gli altri pensano e si aspettano è direi la miglior scelta che si possa fare!

    • Lorenzo ha detto:

      Gli errori sono inevitabili, rientrano nel gioco della vita. Cercare di essere sempre se stessi non è facile. Dovrebbe esserlo. Ma non lo è.
      Un saluto
      Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi