GUARDARLI RIDERE

L’altra sera abbiamo guardato “Una notte al museo”, e la statua dell’isola di pasqua ha avuto un notevole successo. Adesso è un continuo “Ehi tu scemo scemo dare a me gomma gomma!” e giù a ridere. Quando vedo le mie figlie ridere insieme sono felice, sono quelle scintille di gioia di cui parla Silvia nel suo blog. Io quei momenti li vorrei avere sempre, almeno uno al giorno, e forse ci sono anche, ma il mio più grande desiderio è che quei momenti cancellino tutti gli scleri, le urla, i pianti, il nervosismo che spesso accompagna le giornate.

UN PICCOLO (GRANDE) DESIDERIO

Visto che siamo in periodo natalizio, questo sarebbe il primo desiderio della letterina a Gesù bambino. Una risata come fonte rigeneratrice, con effetto energizzante, e più importante con effetto si gira pagina e si va avanti. Credo di averlo scritto più volte nel blog di come si è abituati a dare estrema importanza alle cose negative. Mentre si danno per scontato le cose positive. Invertiamo questa tendenza e sicuramente riusciamo a vivere meglio.

HO BISOGNO DI POSITIVITA’

Questo è un periodo dove ci sono un pò troppi bassi. Probabilmente è stanchezza. Però questo è il periodo migliore per vedere il bicchiere mezzo pieno. Il Natale si sta avvicinando a passi da gigante, e la sua attesa porta positività, quindi approfittiamone per farne una bella scorta. Non è facile, anzi sarà molto difficile, anche perchè io tendenzialmente sono uno specchio. Rifletto gli umori di chi mi sta vicino. Mi piacerebbe essere meno riflessivo (inteso come specchio) e più coinvolgente. Ecco questa è il secondo desiderio. Se entro a casa che tutti sono arrabbiati posso portare positività e non diventare rabbioso anche io. Non sarà facile.

RIDERE

Cosà c’è di meglio di una bella risata coinvolgente per riportare il sorriso. Per far girare pagina. Credo che ridere sia una bella medicina contro la negatività. Una folata di vento che spazza via le nuvole e permette al sole di scaldarci nuovamente con i suoi raggi. I bambini sono una fonte inesauribile di risate. Proprio oggi, a fine cena, 2010 ha iniziato il suo “One woman show” che ha fatto scompisciare dalle risate le sorelle ed è riuscita a contaggiare anche noi, anche se eravamo alla frutta (e non intendo a fine cena). Una risata che ci ha risvegliato, tanto che adesso sto scrivendo questo articolo ed il mio amore sta preparando i “Vanillekipferl” (……quanto è buono il Natale…….)

Lorenzo

Con il blog papainascolto.it, voglio far sentire meno soli, genitori come me, che hanno un sacco di domande e nessuna risposta, che vogliono far tutto giusto ed invece sbagliano, che stanno scoprendo quanto i nostri figli hanno da insegnarci.

2 Risposte

  1. Booooooniiiiiiiiiii!!!!!!!!!! Come mi manca il mio clima mezzo tedesco natalizio di casa mia!!!!!!!!!!
    Comunque il periodo natalizio è un delirio anche qua…non ti dico poi il mio secondo cosa sta combinando anche a scuola…ma poi passa…prima o poi…

    • Lorenzo ha detto:

      Mia moglie é maestra nel portare il clima Natalizio a casa, ed in questi giorni è in produzione biscotti. E poi ho la fortuna di poter mangiare subito i biscotti “scartati”. Si perchè i biscotti di Natale devono essere belli oltre che buoni….e quelli belli si possono mangiare solo a Natale! Le tradizioni vanno rispettate!!
      Un salutone
      Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per vedere le foto accetta! maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi