ASCOLTARE QUANDO NON SI E’ ASCOLTATI

Ascoltare sembra una banalità, invece necessita di molte energie ed è necessaria da parte dell’ascoltatore la capacità di rimanere distaccato. E’ importante essere sopra le parti. Come già detto più volte il proprio vissuto non può influenzare l’ascolto e l’ascoltato. Una cosa fondamentale di chi vuole entrare nel mondo dell’ascolto è non pretendere in cambio nulla.

NESSUNO MI ASCOLTA

Io mi trovo in un periodo che mi sembra che nessuno mi ascolti. A volte mi sembra che non riesco ad ascoltare nemmeno me stesso.Ed in questo momento mi trovo fortemente in difficoltà ad ascoltare. Credo che stia ripetendo sempre lo stesso errore, ossia cerco sempre qualcosa in cambio. Nel libro di Rolf Sellin “Le persone sensibili hanno una marcia in più” c’e una bellissima frase “Tutto ciò che do a un altro, lo do di mia spontanea volontà. In realtà lo do per me stesso, perché vorrei che così andasse il mondo. Tutto ciò che faccio per un altro lo faccio in realtà per me, perchè desidero essere così. In questo modo mantengo l’idea che degli altri e di me stessi.[…]. Quello che do all’altro, lo do anche a me stesso. Non ha senso, pertanto, presentare prima o poi il conto finale”. Chi fa qualcosa per gli altri lo fa per se stesso.

Lorenzo

Con il blog papainascolto.it, voglio far sentire meno soli, genitori come me, che hanno un sacco di domande e nessuna risposta, che vogliono far tutto giusto ed invece sbagliano, che stanno scoprendo quando i nostri figli hanno da insegnarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!