ASCOLTARE ASCOLTARE ASCOLTARE

Ieri io e 2013 siamo andati a pattinare. E’ la seconda volta che va sul ghiaccio, e ieri ha fatto qualche passo da sola senza cadere. Con 2013 non abbiamo molte opportunità di fare qualcosa da soli, in un modo o nell’altro c’è sempre qualche altra sorella. Però quando capita di stare io e li ci divertiamo sempre un sacco.

DIVERTIMENTO

Il suo è un divertimento misurato, pacato, tranquillo. E quale è il momento migliore per ascoltare se non quando si è in due. La concentrazione per rimanere in equilibrio sui pattini a cancellato molte parole, però lei ti guarda fissa negli occhi. Quando gli mollavo le mani lei fissava i suoi occhi sui miei, come se volesse agganciarmi con lo sguardo. E gli occhi parlano più di mille parole.

Gli occhi parlano più di mille parole

Gli occhi ti raccontano felicità, tristezza, coraggio, paura, gioia, e tutte le emozioni che in quel momento si provano. Guardare negli occhi le mie figlie è come guardare nello stesso tempo il mio amore e me stesso. In molti sguardi rivedo il mio amore, in altri sguardi rivedo me stesso. La dolcezza di 2013 poi riesce sempre a farti stampare un sorriso che non va via.

UN SORRISO

E per fortuna non va via. Dopo aver passato il pomeriggio alla pista da ghiaccio, non ho fatto in tempo a chiedergli se si fosse divertita che si era già addormentata sul seggiolino della macchina. Riposati “topolina”, io mi sono divertito, e spero ti sia divertita anche te. Ancora per qualche volta potrò tenerti per mano, poi scapperai velocissima come tua sorellona. Ricordati che un giro di pista per mano sarà sempre prenotato per te basta che lo chiedi.

Lorenzo

Con il blog papainascolto.it, voglio far sentire meno soli, genitori come me, che hanno un sacco di domande e nessuna risposta, che vogliono far tutto giusto ed invece sbagliano, che stanno scoprendo quanto i nostri figli hanno da insegnarci.

4 Risposte

  1. Simone ha detto:

    Ciao Lorenzo, io non ho ancora provato a mettere i pattini al mio 2013, ma credo che presto lo farò. E’ bello creare quel momento “siamo soli io e te”, vivere quelle emozioni come se fosse la tua prima volta. In effetti lo è, sotto certi punti di vista. Un saluto

    • Lorenzo ha detto:

      Ciao Simone, insegnare ad un figlio/a a pattinare é un bel modo per avere un rapporto a due, anche perchè non puoi dirgli “Bene ecco i pattini….pattina…”. Bisogna dargli fiducia, fargli superare le prime paure, stargli sempre vicino e poi lasciarli andare e cadere. E sulla pista da ghiaccio puoi avere solo un figlio/a alla volta altrimenti sai che casino….
      Un saluto
      Lorenzo

  2. Più figli hai, meno tempo da dare a ognuno c’è. Il tempo dedicato è davvero prezioso per loro, ma anche molto raro!

    • Lorenzo ha detto:

      Il tempo dedicato é sempre di meno, ma i figli te lo chiedono sempre, ed a volte con insistenza. Per loro avere un rapporto a due è molto importante, ed anche per noi genitori. Peró non sempre si può, e quando capita è meglio approfittare.
      Un saluto
      Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi